Incontro con Gabriele Cappellini

 
 

Il primo appuntamento del 2015 lo scorso 6 marzo è stato affrontato il tema degli investimenti in piccole e medie imprese italiane, che sono il cuore pulsante del nostro Paese, nonché il vero potenziale per il rilancio dell¡¦economia italiana.

 

Come molti sanno, il Fondo Italiano d¡¦Investimento (FII) nasce nel 2010 su iniziativa del MEF con l'obiettivo di supportare le imprese italiane piccole e medie, attraverso assunzione di partecipazioni dirette e investimenti indiretti in qualità di "fondo di fondi". Il Fondo nasce, quindi, come progetto istituzionale, dove il settore pubblico e quello privato hanno deciso di condividere insieme obiettivi e modalità operative. Il Fondo opera per la realizzazione di un duplice obiettivo:

  • realizzare un ritorno adeguato del capitale investito (obiettivo tradizionale del private equity);
  • stimolare e sostenere la capitalizzazione, l'aggregazione e l'internazionalizzazione dell'impresa italiana di minori dimensioni (obiettivo di politica economica).

 

Il perseguimento del duplice obiettivo rende l'iniziativa del Fondo Italiano di Investimento unica nel panorama nazionale del private equity. E' in particolare sul raggiungimento dell'obiettivo di politica economica che si misurerà il successo del Fondo.

 

Per quanto riguarda gli investimenti diretti, il Fondo investe in imprese con un fatturato indicativo tra i 10 e i 250 milioni di Euro privilegiando aziende qualitativamente, tecnologicamente, strutturalmente e culturalmente in grado di porsi come interlocutori innovativi, e quindi distintivi, sia in campo nazionale che (soprattutto) in campo internazionale, mirando a sostenere processi di sviluppo aziendale, anche supportando aggregazioni tra imprese.

 

In circa 4 anni di attività, il Fondo ha deliberato interventi per oltre 820 milioni di euro. Di essi, circa 400 milioni sono riferiti a investimenti diretti (39 deliberati di cui 36 già effettuati) e 425 milioni riguardano investimenti in fondi (21 deliberati di cui 20 già sottoscritti). Nel complesso, gli 820 milioni di interventi coinvolgono circa 120 imprese che occupano oltre 26.000 dipendenti e generano un fatturato di oltre 5 miliardi di euro. Inoltre, grazie all'attività di investimento indiretto, sono state attivate ulteriori risorse per due miliardi (di essi 500 milioni provengono dall'estero).

 

Gli investimenti diretti nel capitale delle imprese sono presenti in diversi settori e in diverse aree geografiche nazionali, e l'intervento diretto del Fondo nel capitale delle imprese ha consentito un significativo rafforzamento, misurabile nella crescita del volume d'affari (in crescita mediamente del 37% dall'anno dell'investimento); del numero dei dipendenti (+32%) e del fatturato estero (+10%) .

 

In questo incontro del B&F è stato ospite Gabriele Cappellini, che fin dal 2010 ricopre la carica di Amministratore Delegato di FII, che ha illustrato, tra l'altro:

  • la "doppia anima" di FII tra fondo di private equity e strumento di politica economica;
  • le operazioni sia dirette che indirette effettuate da FII e gli obietti che il management si prefigge per il prossimo futuro;
  • Il ruolo di FII nel venture capital, quindi nel finanziamento delle start-up imprenditoriali, tramite il fondo dedicato all'investimento in fondi di venture capital e la possibilita di investire anche in first time team/first time fund, potendo quindi svolgere anche il ruolo di anchor/sponsor investor.

 

Per questo incontro, al fine di poter "respirare" l'imprenditorialità tecnologica "made in Italy", siamo stati ospiti del socio Azienda del Canova Roma LVenture Group (www.lventuregroup.com) nella sala conferenze del suo acceleratore di startup LUISS ENLABS ( http://luissenlabs.com/ ), nato dalla joint venture con l'Universita LUISS per supportare le startup a diventare aziende di successo, in via Giovanni Giolitti 34, al secondo piano della Stazione Termini di Roma. Un ringraziamento particolare al Socio Luigi Capello, CEO di LVenture Group e fondatore di LUISS ENLABS, per l¡'opportunita offerta.

 

 
 
In evidenza