Roma
 

Cenacolo

25 Marzo 2019

Fabrizio Palermo
 
 
Fabrizio Palermo
 
 
 

Il 25 marzo è stata una serata importante per il Canova Club. Oltre quattrocento partecipanti per il Cenacolo in onore di Fabrizio Palermo, Amministratore Delegato di Cassa depositi e prestiti. Abbiamo ripercorso il suo cammino professionale, a partire dagli albori della sua carriera fino ad arrivare alla carica più prestigiosa, quella di Amministratore Delegato, per di più di una società che è il cuore pulsante dello sviluppo del Paese. Nel corso del suo intervento, Fabrizio ha illustrato il nuovo ambizioso Piano Industriale 2021 del Gruppo CDP. Un Piano il cui titolo parla da solo: Dall’Italia per l’Italia, per sottolineare come il contributo del Gruppo a sostegno della crescita dell’Italia parta dall’Italia, dalle risorse di oltre 26 milioni di risparmiatori postali. Sullo sfondo dei grandi trend globali e delle sfide che attendono il nostro Paese sul piano economico e sociale, il Gruppo CDP rafforzerà l’impegno a sostegno dello sviluppo dell’economia nazionale, mettendo a terra tutto il proprio potenziale, direi quasi una potenza di fuoco. Verranno sostenute l’innovazione e la crescita domestica e internazionale delle imprese, facendo leva sulla collaborazione tra le aziende del Gruppo; sarà accelerato il processo di realizzazione delle infrastrutture, grazie all’attività di supporto tecnico oltre che finanziario; sarà dato maggior sostegno agli Enti Locali e al territorio e, non da ultimo, sarà dato impulso alla cooperazione internazionale, divenendo il vero protagonista in Italia. Tutto questo, con un nuovo approccio, per la prima volta veramente orientato al tema della sostenibilità economica, sociale e ambientale. Questi obiettivi così sfidanti verranno raggiunti grazie al rafforzamento delle competenze sia finanziarie, sia industriali delle risorse, ma anche capitalizzando quel grande bagaglio di competenze già presenti all’interno del Gruppo CDP e - aggiungo io e non solo perché notoriamente suo amico senior- in primo luogo quelle preziosissime del suo Amministratore Delegato. (Stefano)